L’Isis non teme la Mafia che continua ad essere una montagna di merda.

Tra tutta l’immondizia che si legge rispetto agli attentati di Parigi, le deliranti analisi politico strategiche dei quotidiani libero e il Giornale, occupano senza troppe sorprese un posto d’onore.

Il quotidiano di Marizio Belpietro scrive:

“Da Venezia passando per Milano, Firenze e Roma, si rafforzano i controlli contro la minaccia islamica. Nella Capitale, il Vaticano e tutti gli altri simboli della cristianità sono considerati a rischio; il ghetto ebraicoè sotto sorveglianza, così come la Sinagoga e le ambasciate degli Stati Uniti, francese e israeliana. A Milano massima attenzione al Duomo, allaStazione centrale e negli aeroporti di Malpensa e Orio al Serio, aFirenze si tiene d’occhio Santa Maria Novella e la stazione, sorvegliati poi il porto e l’aeroporto di Venezia, i ghetti di Padova e Bologna. Ma appunto, gli obiettivi sensibili sono tutti al Nord e al Centro.”

Il Sud, sempre secondo Libero invece pare essere al sicuro e cita una non meglio specificata fonte anonima dell’anti terrorismo che al Giornale avrebbe riferito quanto il Sud sia paradossalmente meno esposto agli attentati poiché la presenza sul territorio della mafia e della  malavita,  rendono le infiltrazione terroristiche molto difficili.

Innanzitutto basta leggere ben altri quotidiani per apprendere che i controlli sono stati rafforzati anche presso il porto di Napoli, in sicilia e sull’intera costa adriatica salentina, luoghi in cui sono state inviate risorse militare specializzate.Inoltre è ormai un fatto che la mafia non abiti solo al Sud ed è al Nord che per una ragione squisitamente opportunistica opera e in modo anche abbastanza capillare e palese.

Ciò che preoccupa tuttavia non è tanto la notizia dalla dubbia credibilità spacciata per esclusiva, quanto l’appeal che l’idea di una Mamma Mafia prona a difenderci ha prodotto su un numero indecifrato di lettori.

L’idea che L’isis tema la Mafia è una falsità di dimensioni titaniche e non serve essere uno stratega consumato di affari internazionali per comprenderlo

Cominciamo con il dire che i terroristi e i mafiosi da un punto di vista squisitamente teorico sono più simili di quanto si creda; entrambe le organizzazioni si occupano di traffico di droga, armi e clandestini e sia la mafia che i terroristi non hanno mai avuto a cuore nulla se non il raggiungimento di bieche finalità che nulla hanno avuto a che fare con il benessere del proprio popolo. Togliamoci dalla testa l’idea che la criminalità organizzata oggi osservi un codice d’onore , una sorta di strada ideologia che prevede la difesa della patria in presenza di attentati terroristici, non era così neppure quando credevamo ce l’avesse davvero.La mafia è vigliacca, scappa, si nasconde, è vile, è egoista.La mafia non protegge, si protegge, la mafia non difende ma difende i propri interessi lo ha sempre fatto. Chi può scordare le esecuzioni da parte di noti esponenti mafiosi nei confronti di parenti, di Donne e bambini innocenti. Oggi se possibile la criminalità organizzata di casa nostra da casa nostra è ancora più lontana, operando perlopiù nei traffici internazionali ha subito un incremento di risorse provenienti dal nord africa e più in generale da luoghi dove vi è una massiccia presenza di Jihadisti. Inoltre se evidenziamo anche che molti dei Foreign Fighters provenienti dall’Europa hanno avuto precedenti criminali possiamo financo arrivare ad immaginare che addirittura L’isis dalla Mafia Italiana potrebbe attingere per trovare in questa fedeli alleati.

Non dimentichiamo che il sedicente stato Islamico con i suoi traffici illeciti e forme di estorsione è diventata l’organizzazione terroristica meglio finanziata di sempre. David Cohen, sottosegretario per il Terrorismo e l’intelligence finanziaria del Tesoro americano in una seduta dichiarò che «Isis ha accumulato un patrimonio senza precedenti (…) ed è l’organizzazione terroristica meglio finanziata di sempre…Non abbiamo soluzioni miracolose, né armi segrete per svuotare le sue casse. I nostri sforzi per contrastare le sue attività di finanziamento richiederanno tempo. E siamo solo alle fasi iniziali».
Insomma, Isis non è solo l’organizzazione terrorista più grande al mondo. È anche la più ricca.

Seguendo questa logica e la logica Mafiosa, i terroristi sarebbero in grado di corrompere qualsiasi organizzazione criminale sia questa Italiana, Asiatica o Russa.

E sappiamo bene quanto la criminalità organizzata si faccia ben pochi problemi morali quando si deve trattare su ingenti quantitativi di denaro facili facili.

Evitiamo quindi di appoggiare analisi deliranti.Noi Italiani non abbiamo bisogno della Mafia, restiamo tutti d’accordo che la Mafia resta quella montagna di Merda da cui abbiamo sempre preso le distanze e ricominciamo tutto da capo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...